LA DIAGNOSI DI “MORTE CELEBRALE” È AMPIAMENTE DIMOSTRATA?

Secondo questo articolo: “Aggiornamento delle linee guida: disturbi della coscienza“, siamo ancora lontani da una definizione definitiva. L’American Academy of Neurology (AAN) ha rilasciato nuove linee guida per la gestione dei pazienti negli stati vegetativi e in stato di coscienza minima (MCS=Minimally Con-scious State). Le linee guida servono da aggiornamento alle raccomandazioni del 1995 e alla definizione del caso del 2002 di MCS. Le raccomandazioni si concentrano su individui con disturbi della coscienza prolungati che durano 28 giorni o più. Una diagnosi accurata e un’assistenza medica e riabilitativa continua basata sull’evidenza possono offrire le migliori possibilità di recupero da questi disturbi. Sottolineano l’assistenza specialistica fornita da un team interdisciplinare con esperienza nella diagnosi e nel trattamento di questi disturbi. In totale, forniscono 18 raccomandazioni riguardanti l’assistenza generale e la diagnosi di disturbo prolungato della coscienza, raccomandazioni di consulenza prognostica e raccomandazioni di gestione per adulti e bambini. “A volte le persone vengono diagnosticate erroneamente a causa di problemi alla base che possono mascherare la consapevolezza”, ha detto in un comunicato stampa l’autore principale Joseph T. Giacino, PhD, della Harvard Medical School e dello Spaulding Rehabilitation Hospital di Boston. La diagnosi errata di gravi disturbi della coscienza si aggira costantemente intorno al 40%. Mentre i risultati per i disturbi prolungati della coscienza variano ampiamente, circa il 20% delle persone con gravi lesioni cerebrali alla fine recupera abbastanza da vivere a casa e prendersi cura di se stessi, secondo le linee guida. “Una diagnosi imprecisa può portare a decisioni di cura inadeguate e cattive condizioni di salute. Una diagnosi errata può comportare il ritiro prematuro o inappropriato del trattamento, la mancata raccomandazione di trattamenti riabilitativi benefici e un esito peggiore. Ecco perché una diagnosi precoce e accurata è così importante”, ha detto il dott. Giacino.

Affidarsi a un singolo esame è più probabile che aumenti la diagnosi errata, pertanto le linee guida raccomandano esami seriali condotti da specialisti addestrati in grado di rilevare segni di coscienza sottili e spesso incoerenti. Per questi esami, i medici dovrebbero utilizzare valutazioni neurocomportamentali standardizzate e convalidate, come la Scala di Recupero dal Coma Rivista (CRS-R=Coma Recovery Scale-Revised). Gli esami seriali dovrebbero aver luogo nelle prime fasi del recupero, in particolare durante i primi tre mesi successivi alla lesione cerebrale. Tuttavia, esistono prove insufficienti per raccomandare quanto questi esami dovrebbero essere distanziati e quanto spesso dovrebbero essere fatti. Evidenze moderate suggeriscono che le persone che soffrono di traumi cerebrali possono avere migliori possibilità di guarigione rispetto a quelle con lesioni cerebrali da altre cause. Esistono prove scarse per sostenere trattamenti per disturbi della coscienza, ad eccezione della droga amantadina. L’evidenza moderata suggerisce che l’amantadina può accelerare il recupero quando somministrata entro quattro mesi dalla lesione cerebrale traumatica.

Ulteriori punti chiave:

• Identificare e trattare condizioni confondenti, ottimizzare il risveglio ed eseguire valutazioni standardizzate seriali per migliorare l’accuratezza diagnostica negli adulti e nei bambini con disturbi della coscienza prolungati (livello B)

• Raccomandare alle famiglie le seguenti procedure associate ad esiti piu favorevoli: MCS (stato di coscienza minima) comparato allo stato vegetativo / sindrome da insonnia non responsiva, e lesione cerebrale traumatica comparato alla non traumatica (Livello B)

• Quando la prognosi è sfavorevole, discutere di assistenza a lungo termine (Livello A), riconoscendo che la prognosi non è universalmente sfavorevole (Livello B)

• La risonanza magnetica strutturale, lo SPECT (tomografia ad emissione di fotone sin-golo) e la Scala di Recupero dal Coma Rivista possono aiutare la prognosi negli adulti (livello B)

• Non vengono mostrati test per migliorare l’accuratezza prognostica nei bambini

• Valutare e trattare sempre il dolore (livello B) e discutere le prove a supporto degli approcci terapeutici (livello B)

• Prescrivere l’amantadina (da 100 mg a 200 mg bid) per gli adulti che sono da 4 a 16 settimane postlesione con stato vegetativo traumatico / sindrome da insonnia non responsiva o MCS (stato di coscienza minima) per accelerare il recupero funzionale e ri-durre l’invalidità all’inizio del recupero (Livello B)

• La consulenza familiare per i bambini dovrebbe riconoscere che la storia naturale del recupero, della prognosi e del trattamento non è stabilita (Livello B)

• Prove recenti indicano che il termine stato vegetativo cronico / sindrome da insonnia non responsiva dovrebbe sostituire quello di stato vegetativo permanente, con durata specificata (Livello B)

Le linee guida sono state elaborate da un gruppo interdisciplinare di esperti convocato dall’AAN, dal Congresso americano di medicina riabilitativa e dall’Istituto nazionale per la disabilità, da Independent Living e Rehabilitation Research. Sono stati approvati dall’American Academy of Physical Medicine and Rehabilitation, dall’American College of Surgeons Committee on Trauma e dalla Child Neurology Society.

Potete accedere all’intero articolo a questo link

 

error: Content is protected !!