Biotecnologie per l’Africa

I critici sostenevano che le colture transgeniche avrebbero dato vantaggi solo ai paesi industrializzati e avrebbero dato ben poco alle nazioni emergenti. Il presupposto generale era che tutte le conseguenze non intenzionali erano probabilmente negative. Questa visione del mondo pessimistica ha provocato leggi molto restrittive che regolamentano le biotecnologie come sancito dal Protocollo di Cartagena sulla biosicurezza della Convenzione sulla diversità biologica.
Affrontare le sfide agricole di oggi richiede una visione più equilibrata che deve essere guidata dai fatti. Ma, e questo è ancora più importante, richiede una visione ottimistica che riconosca il potere della creatività umana nel rispondere alle sfide globali. Sono ormai passati 17 anni dalla prima presenza in commercio di colture transgeniche in Nord America. Le prove si accumulano contro catastrofisti e scettici, perché ora le economie emergenti diventano i principali beneficiari della rivoluzione biotecnologica. Secondo l’International Service for the Acquisition of Agri-Biotech Applications (ISAAA), dal 1996 al 2011 le colture transgeniche hanno aggiunto 98,2 miliardi di dollari al valore della produzione agricola mondiale.
Nel 2012, i paesi emergenti hanno raccolto quasi un miliardo di dollari in più rispetto ai loro omologhi dei paesi industriali. L’uso di colture transgeniche ha salvato quasi 473 milioni di chilogrammi di principi attivi dei pesticidi. Ha inoltre ridotto di 23,1 miliardi di kg  l’anidride carbonica, pari a togliere 10,2 milioni di automobili dalla strada. Senza coltivazioni transgeniche, il mondo avrebbe avuto bisogno di altri 108,7 milioni di ettari di terreno per raggiungere la stessa produzione. I vantaggi per la diversità biologica della tecnologia sono quindi stati inestimabili. Sul fronte economico, quasi 15 milioni di agricoltori e le loro famiglie, in tutto 50 milioni di persone secondo le stime, hanno beneficiato dell’adozione di colture transgeniche.
Non tutte le regioni del mondo stanno raccogliendo in pieno i vantaggi della biotecnologia agricola. Dei 28 paesi che crescono colture transgeniche, solo quattro (Sud Africa, Burkina Faso, Egitto e Sudan) si trovano in Africa. Nonostante le difficoltà, l’accelerazione che si è verificata sui telefoni cellulari è sul punto di avvenire nella biotecnologia agricola. Questo è a causa della crescente capacità dei paesi africani di assorbire biotecnologie esistenti e usarle per risolvere i problemi locali.
Due esempi illustrano questo punto. In Nigeria gli scienziati hanno sviluppato una varietà di resistenza ai parassiti del pisello a occhio nero, una sottospecie della Vigna unguiculata, per controllare gli insetti Maruca vitrata. Il parassita distrugge quasi 300 milioni di dollari in valore del raccolto annuale e ogni anno vengono importati pesticidi del costo di 500 milioni di dollari per controllarlo. In Africa cresce il 96% dei 5,4 milioni di tonnellate della pianta consumata ogni anno nel mondo. Per risolvere questo problema, gli scienziati presso l’Istituto per la ricerca agricola dell’Università Ahmadu Bello della Nigeria in Zaria hanno sviluppato una varietà transgenica del pisello dall’occhio nero usando geni insetticidi dal batterio Bacillus thuringiensis. Questo risultato dimostra la capacità eroica di scienziati locali di utilizzare tecnologie sviluppate per diversi scopi per risolvere i problemi specifici dell’Africa.
Un altro esempio è la diffusione dello Xanthomonas wilt, una malattia batterica che attacca le banane. Si stima che la malattia costa alla regione dei Grandi Laghi circa 500 milioni di dollari all’anno, soprattutto in Uganda. Ricercatori ugandesi stanno lavorando su una banana transgenica con geni estratti dal peperone (Capsicum annuum) per controllare lo Xanthomonas. La malattia colpisce anche le banane ensete dell’Etiopia (Ensete ventricosum). Gli scienziati ugandesi e kenyani stanno anche utilizzando tecniche di biotecnologia per migliorare il contenuto micronutritivo di alimenti come banane, sorgo e cassava. Gli scienziati ugandesi, per esempio, hanno già sviluppato banane dorate golden con maggiore contenuto di vitamina A.
Le tecniche acquisite in questi studi pilota possono essere allargate ad una vasta gamma di colture indigene africane. Questo non solo aiuterebbe l’Africa ad ampliare la sua base di cibo utilizzando il miglioramento dei raccolti africani, ma avrebbe il potenziale per contribuire al fabbisogno nutrizionale del pianeta.
Il futuro appartiene agli ottimisti. Nelle parole di Winston Churchill: “Un pessimista vede la difficoltà in ogni opportunità, un ottimista vede l’opportunità in ogni difficoltà”. Voglio invitare tutti voi ad unirvi a me nella ricerca di opportunità per tutte le sfide che l’Africa deve affrontare oggi nell’agricoltura. Stare fermi nella tradizione ha il suo fascino comodo. Ma la luce fioca della nullafacenza comporta più rischi della sperimentazione di nuove tecnologie. Dobbiamo agire con coraggio e con un senso di urgenza.

*tratto dal discorso con cui Calestous Juma ha accettato la laurea honoris causa all’Università McGill di Montreal il 3 giugno 2013

error: Content is protected !!